La storia di Architetto Naro - Design Feng Shui

Studio d'architettura Milano

L’attività dello studio d’architettura di Milano si rivolge prevalentemente a privati, ma anche a imprenditori, esercenti, e altri interlocutori, per quanto riguarda: nuove edificazioni, ristrutturazioni, ampliamenti, recuperi abitativi di sottotetti, interventi di manutenzione straordinaria, risanamento conservativo, eliminazione delle barriere architettoniche, manufatti provvisori, progettazione di arredi su misura, aree ludiche ed arredi delle aree pertinenziali degli edifici, perizie tecniche, impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili. Dalla progettazione architettonica all’interior design, l’intervento dell’ Architetto Naro - Design Feng Shui di Milanopuò consistere nella progettazione, nella direzione lavori o in entrambi. La progettazione di forniture, lighting, product e textile design si rivolge agli imprenditori e può consistere in un’attività di progettazione freelance per il design o il re-design di prodotti.

Lo studio d’architettura di Milano si occupa di progettazione eco-friendly sia arcitettonica che nel design e interior design. I materiali che vengono utilizzati e previsti dai progetti vengono scelti con cura per avere la certezza che lo spazio architettonico e gli interni, gli arredi e la progettazione dei prodotti siano sempre rispettosi dell’ambiente e dell’uomo, quindi salutari. Negli edifici progettati dall’ Architetto Naro - Design Feng Shui di Milano vengono utilizzati specifici accorgimenti, che rendono le strutture traspiranti, e accorgimenti che assicurano l’efficienza degli impianti (elettrici, del gas, di riscaldamento e raffreddamento, idro-sanitari, di areazione) e li rendano privi di emissioni nocive, grazie ai materiali e alle tecnologie utilizzati. Inoltre, nella progettazione si tiene conto dei contributi delle tradizionali discipline orientali del Feng Shui e del Vastu.

Gli edifici progettati dallo studio d’architettura di Milano si caratterizzano per alti canoni di compatibilità ambientale e di basse emissioni: l’obiettivo è proprio realizzare edifici Zero Energy Building (ZED): la soluzione ottimale, al fine di realizzare il risparmio energetico, l’efficienza energetica e la produzione di energia a partire da fonti rinnovabili, che permette a chi abiterà lo spazio, di ridurre il consumo di energia. È importante anche che gli impianti di produzione di energia siano integrati ed armonizzati rispetto all’immagine dell’involucro architettonico. Zero Energy Building è quell’edificio che consuma un’esigua –se non nulla– quantità di energia per funzionare; Zero Emission Building è quell’edificio che emette modestissime quantità di anidride carbonica nell’ambiente. Plus Energy Building è infine, quell’edificio che oltre a garantire la sua autosufficienza è capace di contribuire con un surplus alla rete globale.

  • Seguici su..





    .